oscar ferrari fotografie

Ho pensato a una fotografia che parlasse prima di tutto di luce e per farlo sono partito dal buio, interrompendo la luce elettrica, creando un blackout. Il progetto sviluppato si chiama appunto black out, via la luce, o letteralmente “fuori il nero”. Come gli esploratori dello spazio cosmico calano nel buio interstellare i loro strumenti per captare i bagliori del big bang, mi calo nel buio dello spazio architettonico fotografando alla sola luce naturale per captare la primitiva luce dell’architettura. Cerco di realizzare una fotografia che contenga l’immagine inedita dell’architettura alle sue origini insieme alle suggestioni offerte ancora oggi dagli effetti imprevisti e inediti della luce naturale che si manifestano come epifania nell’istante in cui la fotografia viene scattata. Un viaggio nello spazio ma anche nel tempo. Ho cercato un blackout, un cortocircuito concettuale per ricollegare passato e presente dell’architettura attraverso la fotografia.

________________________________________________________________________________

I envisaged a photography speaking in the first place about light, and during this process I started from darkness, interrupting the electric light to create a blackout. The project is actually called “black out”, emphasizing the absence of artificial light. As the explorers of outer space drop their instruments into interstellar darkness to capture the flashes of the big bang, I dive into the darkness of the architectural space, photographing only natural light to capture the primitive glowing of the architecture in itself. I try to create a picture that contains an all-new image of architecture in its origin, together with the fascination that even today arises from the unexpected and unusual effects of natural light, manifested as an epiphany at the moment when the picture is taken. A journey in space but also in time. I looked for a blackout, a conceptual short circuit to reconnect past and present of architecture through photography.