Mar 21

Blackout: silence and light 2016-2017

Ho pensato a una fotografia che parlasse prima di tutto di luce e per farlo sono partito dal buio, interrompendo la luce elettrica, creando un blackout. Il progetto sviluppato si chiama appunto black out, via la luce, o letteralmente “fuori il nero”. Come gli esploratori dello spazio cosmico calano nel buio interstellare i loro strumenti per captare i bagliori del big bang, mi calo nel buio dello spazio architettonico fotografando alla sola luce naturale per captare la primitiva luce dell’architettura. Cerco di realizzare una fotografia che contenga l’immagine inedita dell’architettura alle sue origini insieme alle suggestioni offerte ancora oggi dagli effetti imprevisti e inediti della luce naturale che si manifestano come epifania nell’istante in cui la fotografia viene scattata. Un viaggio nello spazio ma anche nel tempo. Ho cercato un blackout, un cortocircuito concettuale per ricollegare passato e presente dell’architettura attraverso la fotografia. ________________________________________________________________________________ I envisaged a photography speaking in the first place about light, and during this process I started from darkness, interrupting the electric light to create a blackout. The project is actually called “black out”, emphasizing the absence of artificial light. As the explorers of outer space drop their instruments into interstellar darkness to capture the flashes of the big bang, I dive into […]
Mag 12

bologna 9×12 (2008)

SFOGLIA  IL  PDF

TAV Cantieri alta velocità nodo di Bologna

TAV Cantieri alta velocità nodo di Bologna. La realizzazione della rete ferroviaria ad alta velocità è stata una grande opera che ha interessato l’intero territorio nazionale ma che ha avuto pochissimi casi di documentazione fotografica realizzati appositamente.  Nel 2003 mi sono autocommissionato questo lavoro di documentazione e con le autorizzazioni di rfi, rete ferroviaria italiana, ho potuto accedere a numerose zone di cantiere non altrimenti accessibili e documentare fotograficamente alcune fasi di realizzazione dell’opera. Il lavoro a mio parere offre una originale testimonianza tuttora inedita di ciò che è stato realizzato nel nodo di  Bologna.